Orari di apertura

Lunedì-Venerdì

16:00-21:00

 

Contatti

Salita delle Fieschine 17r

16122 - Genova - Italia

Tel: 010 8391575

Cell: 3474645070

info.cangelosischool@gmail.com

cangelosipaolo@libero.it

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
Dove siamo

© A.S.C.D. Discipline Orientali Sifu Paolo Cangelosi

Il Maestro Fu Han Tong

 

                                                                 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il fondatore della Scuola, il Si Jo Fu Han Tong, nacque nel settembre del 1925 nel sud della Cina. Rimasto orfano molto giovane, fu cresciuto all'interno di diverse scuole di Kung Fu tradizionale. Raggiunse così il grado di Si Fu in più stili, e per questo si trovò spesso in contrasto con le opinioni di altri Maestri, più che altro per le sue idee innovative ed il suo stile di vita. Negli anni '60 era infatti pensiero comune che il Kung Fu fosse un'arte per soli cinesi ed era consuetudine che un maestro praticasse e tramandasse un solo metodo, spesso considerato come lo "stile di famiglia".

Si Fu Fu Han Tong era tuttavia sicuramente un uomo fuori dagli schemi: la sua profonda conoscenza nell'arte del Kung Fu, la padronanza di raffinate tecniche esoteriche, il suo grande carisma e la personalità eclettica, unite ad una mentalità aperta e coraggiosa, fecero di lui un personaggio a volte scomodo tra la sua gente.

Intensa ed in gran parte misteriosa, la vita di questo Maestro lo portò a soggiornare per un breve periodo in Australia, per poi successivamente fare tappa in California. Cosciente della complessità della sua Arte, non ebbe il proposito di creare un elevato numero di Maestri. Si trovò a tramandare alcuni insegnamenti, forse anche solo per guadagnarsi da vivere, senza trovare lo stimolo per fermarsi più a lungo in un luogo, o per intraprendere un lavoro d'insegnamento più completo.

Dalla California ripartì verso l'Europa, arrivando prima nel sud della Francia, poi in Italia, dove si fermò a Genova, ospitato da alcuni connazionali. Trovò lì un lavoro momentaneo presso una falegnameria e fu proprio qui che, nel 1971, la sua strada e quella di Paolo Cangelosi si incrociarono.